Appendice A. Creazione di un kernel personalizzato

Molti tra i nuovi utenti di Linux si domandano: "per quale motivo dovrei creare il kernel da solo?". Considerando i grandi progressi compiuti nell'utilizzo dei moduli del kernel, la risposta pi corretta a questa domanda : "A meno che tu non conosca gi il motivo, probabilmente non ti serve saperlo".

Il kernel fornito con Red Hat Enterprise Linux e tramite il sistema Errata di Red Hat Enterprise Linux fornisce ilsupporto per molti hardware di nuova concezione e per contenuti del kernel. Per molti utenti, non c' bisogno di ricompilarlo. Quest'appendice rappresenta una guida per gli utenti che vogliono ricompilare il loro kernel, per gli utenti che vogliono compilare un contenuto sperimentale nel kernel e cos via.

Per migliorare il kernel usando i pacchetti del kernel distribuiti da Red Hat, Inc., consultare Capitolo 39.

AttenzioneAvviso
 

La creazione di un kernel personale non supportata dal team di supporto per l'installazione. Per maggiori informazioni sul miglioramento del kernel usando i pacchetti RPM distribuiti da Red Hat, Inc., consultare Capitolo 39.

A.1. Preparazione alla configurazione

Prima di configurare un kernel personale, molto importante assicurarsi che esista un dischetto di avvio di emergenza, nel caso in cui si verifica un errore. Per fare un dischetto abilitato all'avvio usando il kernel attuale, eseguire il seguente comando:

/sbin/mkbootdisk `uname -r`

Dopo aver creato il dischetto, provatelo e assicuratevi che sia in grado di avviare il sistema.

Per ricompilare il kernel, deve essere installato il pacchetto kernel-source. Emettere il comando

rpm -q kernel-source 

per determinare se stato installato. Altrimenti installatelo dai CD-ROM di Red Hat Enterprise Linux o Red Hat Network. Per maggiori informazioni su come installare i pacchetti RPM, consultare Parte III.